S'informa che, a causa della legge sulla par condicio,
tutte le trasmissioni tv sono sospese fino a dopo le elezioni.


L'on. Carlo Fatuzzo torna in TV con Sportello Pensioni sul Digitale Terrestre!


Il LUNEDI dalle 19:30 alle 20:30 su Canale Italia 3 (canale 154) in REPLICA su Canale Italia 160 la DOMENICA dalle 9 alle 10.

Il MERCOLEDI dalle 13 alle 14 su Milanow (canale 191)

Il VENERDI su Lombardia TV (canale 99) dalle 20.30 alle 21.30 e in REPLICA il SABATO alle 18. E’ possibile seguire la DIRETTA in STREAMING su Lombardia TV



mercoledì 20 maggio 2015

Soverato: il candidato sindaco Gen. Pasquale Martinello e la lista del Partito Pensionati




Candidato a sindaco: Gen. Pasquale Martinello

Candidati a consigliere:

Luzzi Mario

Catricalà Maria

Gigliotti Giacomino

Aiello Marianna

Procopio Fabio

Paparo Iolanda

Bogi Fulvio

Laratta Francesco

Giaimo Natale

martedì 19 maggio 2015

Dichiarazione Luigi Ferone

Rivista Sicurezza e Difesa - maggio 2015


Carlo Fatuzzo intervistato da Il Tempo: «Noi, pensionati beffati, ci rivolgeremo alla UE»


Il Tempo 19/05/2015 pag. 7
L'INTERVISTA
"Noi, pensionati beffati Ci rivolgeremo alla Ue"
Fatuzzo: "Dove sono finiti i soldi sottratti?"

«È una legge "ad governum"». Così, con una battuta, il leader del Partito Pensionati Carlo Fatuzzo marchia a fuoco il decreto sulle pensioni approvato ieri dal consiglio dei ministri. «Il governo- spiega- si fa una legge apposta per non pagare quanto stabilito dalla Corte Costituzionale».
A quanto ammontava la somma?
«Secondo i miei calcoli, la somma sottratta come contributo obbligatorio al risanamento delle finanze dello Stato dal decreto Monti-Fornero a fine 2011, ammonta a 20 miliardi di euro fino al 31 dicembre 2015, e a 7 miliardi di euro per ciascun anno a venire».
Molto inferiore a quei 2,1 miliardi messi sul piatto dal governo.
«Sì, il governo mette a disposizione all’incirca il 10% di quello che avrebbe dovuto corrispondere. Capisco che l’esecutivo debba accreditarsi di fronte alle autorità finanziarie di Bruxelles come ligio e pronto a eseguire gli ordini di spendere il meno possibile. Ma io mi domando perché bisogna sempre rivalersi sui pensionati. Il mio parere è che questo decreto, in fin dei conti, comporterà delle conseguenze ben più onerose di quei 20 miliardi che il governo avrebbe dovuto pagare».


Come fa a dirlo?
«Non lo dico io, ma l’Europa. La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, a cui certamente ci rivolgeremo, identifica come una violazione dei diritti umani la circostanza in cui uno Stato membro emana una legge al solo scopo di non adempiere a una sentenza definitiva della magistratura. Perciò quello Stato è passibile di condanna per risarcimento danni. Che prevedono sia la corresponsione di quel pagamento che ha cercato di evitare emanando la legge incriminata, con il riconoscimento di un danno morale in aggiunta».

C’è un precedente?
«Sì, è già avvenuto qualche anno fa, riguardo alle pensioni degli italiani che hanno lavorato in Svizzera, le quali venivano pagate dalla previdenza sociale nella misura di un terzo del dovuto, in base alla legge italiana. Fui proprio io a promuovere il ricorso. Vincemmo in tutti e tre gradi. L’Inps cominciò a pagare, poi di fronte alla consistenza delle somme, chiese al governo di fare una legge di interpretazione autentica della normativa sui calcoli delle pensioni. Questa legge andò alla Corte Costituzionale, che non vi trovò anomalìe rispetto alla Carta. Da quel momento, poi si andò alla Corte Europea dei diritti umani che condannò l’Italia a pagare somme di circa 60/80 mila euro a ciascuno di coloro che hanno presentato il ricorso. Ecco perché sono convinto che il governo Renzi, con questo decreto legge, rischia di spendere più di quello che sta cercando di non pagare adesso».

Dove avrebbe potuto prendere 20 miliardi il governo? Dalla spending review?
«La domanda è un’altra: dove hanno messi quei soldi, i vari governi che si sono succeduti? Nel 2012, primo anno in cui è stato attuato il blocco sulle pensioni, il governo si è trovato in tasca 3 miliardi e mezzo di euro in più, l’anno dopo 7 miliardi. Che ne hanno fatto? Li hanno spesi? E come?».

Quale potrebbe essere una soluzione per salvare rimborso e conti pubblici?
«Il governo avrebbe potuto ripetere ciò che avvenne quando la Corte emanò la sentenza 314/85, che ha rivalutò le pensioni di reversibilità. Lo Stato le pagò in sei anni. Avrebbe potuto farlo anche adesso».

Come stanno reagendo i pensionati?
«Sto ricevendo una valanga di telefonate. C’è un doppio sentimento. Da un lato, il parziale rimborso annunciato da Renzi non li soddisfa. Dall’altro, però, vedersi arrivare 500 euro conferma che la legge del governo Monti non era giusta. Il problema è che i pensionati non hanno il potere contrattuale che meriterebbero. Servirebbe dare loro una soggettività politica, e ci sto provando da tantissimo tempo».

Avete già in mente delle iniziative di mobilitazione in merito a questo decreto?
«Certo. Come prima cosa si presenta ricorso all’Inps. Dopo che l’Inps o avrà risposto picche, oppure avrà fatto passare tre mesi nel silenzio, si andrà dal Tribunale, sollevando l’incostituzionalità della legge. Se il Tribunale riconosce il sospetto di incostituzionalità, poi, la spedirà alla Corte Costituzionale. E a quel punto vediamo. Se la Consulta dovesse ribadire la conformità della Legge alla Carta Fondamentale, allora adiremo alla Cedu. Sono tutti ricorsi doverosi. Perché i pensionati, non tutti, ma una parte importante di loro, sono in cattive acque e non sanno come nuotare».

Pietro De Leo
Il Tempo

DIRITTI DEI PENSIONATI : FATUZZO (Pp), I PROBLEMI NON SI RISOLVONO CON LE “ MANCETTE”, MA RESTITUENDO AI PENSIONATI, IL MALTOLTO.

Il Partito Pensionati – ha dichiarato il segretario nazionale, Carlo Fatuzzo – ritiene che una “una tantum” di 500 €, per una parte di pensionati, rientranti  nella sentenza della Corte Costituzionale che ha bocciato il blocco della perequazione automatica delle pensioni,  rappresenti uno schiaffo per i circa sei milioni di pensionati fortemente penalizzati dalla Legge  Fornero.