Carlo FATUZZO risponde in diretta alle vostre domande
VENERDI su Lombardia TV (can. 99) ore 20:30-21:30.
Anche in streaming sul web (clicca sul banner)

Potete seguire l'on. Carlo Fatuzzo anche su Facebook.

DOMANDA RIMBORSO INPS

A seguito della sentenza della Corte costituzionale 70/2015, relativa alla bocciatura del blocco della perequazione automatica delle pensioni per gli anni 2012 e 2013, il Partito Pensionati sta predisponendo le domande per richiedere il rimborso.

Vi invitiamo pertanto a inviare, a mezzo posta SEMPLICE all'indirizzo

FAMIGLIA PENSIONATI
Piazza Risorgimento 14
24128 Bergamo BG

- fotocopia carta d'identità
- fotocopia codice fiscale

Vi invieremo la domanda con le istruzioni.

martedì 17 gennaio 2012

ELISABETTA FATUZZO: URGENTE RICONOSCERE IL LAVORO DI AGENTE DI POLIZIA PENITENZIARIA TRA LE OCCUPAZIONI USURANTI.

Si sta tenendo, presso il Consiglio regionale della Lombardia, un dibattito straordinario in merito alla grave situazione in cui versano gli istituti di pena della regione, gravati da un pesante sovraffollamento e da gravi problemi strutturali. L’emergenza colpisce, non solo la popolazione detenuta, ma anche gli agenti di Polizia Penitenziaria, che operano all’interno degli istituti, in condizioni spesso difficili di sotto-organico e turni massacranti.
A tale proposito, Elisabetta Fatuzzo (Consigliere Regionale del Partito Pensionati) ha preannunciato la presentazione di un progetto di legge al Parlamento, affinché gli agenti di Polizia Penitenziaria vedano il proprio lavoro riconosciuto tra quelli usuranti, ai fini previdenziali. Attualmente, infatti, soltanto i turni notturni possono godere di tale riconoscimento.

Secondo Elisabetta Fatuzzo «è necessario dare il giusto riconoscimento ai lavoratori del settore penitenziario, costretti a lavorare in un contesto difficilissimo e sottoposti ad uno stress psico-fisico molto pesante. Lavorare nella sezione di un penitenziario, magari sovraffollato e fatiscente, perennemente a contatto con situazioni difficili, non può essere considerato alla stessa stregua di un lavoro d’ufficio. Il fatto che tale lavoro venga svolto di giorno poco cambia, anzi, di giorno, con le sezioni in piena attività, è anche più gravoso.».