Carlo FATUZZO risponde in diretta alle vostre domande
VENERDI su Lombardia TV (can. 99) ore 20:30-21:30.
Anche in streaming sul web (clicca sul banner)

Potete seguire l'on. Carlo Fatuzzo anche su Facebook.

DOMANDA RIMBORSO INPS

A seguito della sentenza della Corte costituzionale 70/2015, relativa alla bocciatura del blocco della perequazione automatica delle pensioni per gli anni 2012 e 2013, il Partito Pensionati sta predisponendo le domande per richiedere il rimborso.

Vi invitiamo pertanto a inviare, a mezzo posta SEMPLICE all'indirizzo

FAMIGLIA PENSIONATI
Piazza Risorgimento 14
24128 Bergamo BG

- fotocopia carta d'identità
- fotocopia codice fiscale

Vi invieremo la domanda con le istruzioni.

mercoledì 7 marzo 2012

FISCHIETTI A MONTECITORIO, DI FRONTE ALLA CAMERA DEI DEPUTATI.

"I pensionati le cantano a Monti", si legge in alcuni cartelli, "non ce la facciamo piu', fermiamo l'attacco di Stato", scandiscono in coro gli anziani raccolti in piazza. Sono un centinaio, arrivati da tutta Italia, "per difenderci dall'attacco, l'ennesimo - spiega un manifestante di 88 anni, arrivato da Napoli per manifestare il proprio dissenso - ai danni dei nostri redditi modesti. Ho lavorato per 40 anni e oggi mi ritrovo in piazza a manifestare, e' uno schiaffo". Uomini ma anche tante donne, capitanate da Fortunato Sommella, presidente del Partito dei pensionati. "A 77 anni - racconta la signora Concetta - prendo 605 euro di pensione e pago 500 di affitto. E cosi', alla mia eta', sono costretta a fare la badante". In tanti, assicurano, lavorano: "qualsiasi cosa ci consenta di arrotondare". "Io ho una pensione di reversibilita' - fa i conti un'altra signora, 79 anni compiuti - e da 800 euro e' passata a 700: cosi' non si po campa'". "Perche' non ci prova Monti - aggiunge un altro anziano - a vivere con 6.000 euro l'anno? E poi vediamo se alla prossima manovra le nostre pensioni le lascia in pace, a riposo". Fischietti alla bocca, i pensionati riprendono "a cantarle al governo, e andremo avanti fino alle 13", assicura Sommella. "Siamo arrabbiati con questo governo ma anche con il precedente - sintetizza il presidente del Partito dei pensionati - toccano sempre noi, l'anello debole della catena, nonostante i pensionati abbiano fatto grande questo paese. Ma sono i piu' tartassati, alla fine le risorse per salvare l'Italia vengono a cercarle sempre da noi. Oggi stileremo un documento da dare alla stampa per far comprendere le nostre ragioni. Il sit-in prosegue, noi da qui non ci muoviamo".
RASSEGNA STAMPA 09/03/2012 (ADNKRONOS 7 MARZO 2012)