Carlo FATUZZO risponde in diretta alle vostre domande
VENERDI su Lombardia TV (can. 99) ore 20:30-21:30.
Anche in streaming sul web (clicca sul banner)

RIVALUTAZIONE ISTAT SU PENSIONI - RICORSI ALLA CORTE EUROPEA


Informiamo che a seguito delle sentenze della Corte costituzionale 70/2015 e 250/2017, relative al blocco della perequazione automatica delle pensioni per gli anni 2012 e 2013, il Partito Pensionati sta predisponendo con i propri legali i ricorsi alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Il termine scade a fine maggio. Per informazioni e adesioni scrivere a segreteria@partitopensionati.it
NON SI ACCETTANO ADESIONI OLTRE IL 13 MAGGIO.







mercoledì 9 maggio 2012

LOMBARDIA: APPROVATA ALL’UNANIMITA’ MOZIONE DEL PARTITO PENSIONATI PER L’EQUITA’ TRA LAVORATORI AUTONOMI E DIPENDENTI NELLA CORRESPONSIONE DEGLI ASSEGNI FAMILIARI.

Nel pomeriggio di oggi il Consiglio Regionale della Lombardia ha approvato all’unanimità una mozione, a prima firma Elisabetta Fatuzzo (Partito Pensionati), con la richiesta all’INPS di garantire il diritto agli assegni familiari anche alle vedove e vedovi dei lavoratori autonomi, se riconosciuti totalmente inabili al lavoro.

La normativa in vigore, infatti, a causa di una interpretazione restrittiva dell’INPS, tutela esclusivamente le famiglie dei lavoratori dipendenti, lasciando prive di garanzie quelle dei lavoratori autonomi.
Il documento approvato chiede alla Giunta regionale di intervenire presso l’INPS, al fine superare tale difformità, garantendo anche ai familiari superstiti dei lavoratori autonomi il diritto agli assegni familiari. 
Elisabetta Fatuzzo, Consigliera Regionale del Partito Pensionati e promotrice dell’iniziativa, ha espresso la propria soddisfazione:
«Ringrazio l’Aula che all’unanimità ha voluto dare un segnale di grande sensibilità su un argomento molto delicato. Sul tema degli assegni familiari esiste una disparità inaccettabile e difficilmente giustificabile, dato che l’equiparazione di autonomi e dipendenti  sarebbe sostenibile dal punto di vista finanziario. Spero che, anche grazie all’impegno della Lombardia, tale sperequazione venga al più presto superata».