Carlo FATUZZO risponde in diretta alle vostre domande
VENERDI su Lombardia TV (can. 99) ore 20:30-21:30.
Anche in streaming sul web (clicca sul banner)

RIVALUTAZIONE ISTAT SU PENSIONI - RICORSI ALLA CORTE EUROPEA


Informiamo che a seguito delle sentenze della Corte costituzionale 70/2015 e 250/2017, relative al blocco della perequazione automatica delle pensioni per gli anni 2012 e 2013, il Partito Pensionati sta predisponendo con i propri legali i ricorsi alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Il termine scade a fine maggio. Per informazioni e adesioni scrivere a segreteria@partitopensionati.it
NON SI ACCETTANO ADESIONI OLTRE IL 13 MAGGIO.







venerdì 21 febbraio 2014

Troppi suicidi per motivi economici. Meno tasse e più attenzione verso i cittadini in difficoltà.

Troppi suicidi per motivi economici. Sono numerosi, sempre, comunque troppi, i casi di suicidi di imprenditori e lavoratori. Desta veramente tristezza l’ultimo caso che riguarda un  panettiere del napoletano, Eduardo De Falco ,che  aveva ricevuto una sanzione di duemila euro, per delle infrazioni. Questo piccolissimo imprenditore, già viveva un momento difficile, a causa della crisi,  e quella somma da dover pagare ,deve essere sembrata una enormità ed ha posto fine alla sua vita. Troppe tasse, esasperazione, rabbia, amarezza, sono questi i sentimenti di tanti piccoli imprenditori  costretti a chiudere le loro attività, impossibilitati a pagare tasse  che sono diventate insopportabili, mutui e prestiti bancari ecc.  Il nostro Paese sta vivendo una crisi economica  terribile e vive una vera e propria emergenza sociale. Attività che chiudono, lavoratori che rimangono  senza occupazione  e troppe volte, senza alcun reddito, milioni di pensionati costretti a troppe rinunce, giovani che emigrano, un futuro  incerto: questo è il quadro preoccupante del nostro Paese. C’è da chiedersi cosa hanno fatto i Governi  che si sono succeduti  negli ultimi anni, alla guida dell’Italia. Mentre si sta ripetendo il “teatrino della politica”, anche in occasione della formazione del nuovo Governo, mentre qualcuno  lotta strenuamente per difendere il proprio “orticello“, vi sono onesti cittadini di questa Italia che, per la disperazione, giungono al suicidio.  E’ necessario che  il nuovo Governo  rappresenti una svolta nella conduzione del Paese  e tagli, veramente le tasse. Anche per  quanto riguarda le sanzioni amministrative, deve essere concesso, al funzionario che opera, un margine di discrezionalità, che consenta di tenere in considerazione la situazione reale in cui si trova il contravventore.  Cresce nel Paese, la rabbia  e la disperazione. Non si può far finta di nulla.  Sarebbe assurdo e sbagliato  credere che si possano inventare sempre nuovi balzelli, imporre iter burocratici assurdi e da terzo mondo, senza che nulla accada. Milioni di italiani chiedono  dignità e giustizia ed il Governo ha il dovere di rispondere a queste giuste richieste di chi è arrivato al limite della sopportazione. 
 
L’addetto stampa
Luigi Ferone