Carlo FATUZZO risponde in diretta alle vostre domande
VENERDI su Lombardia TV (can. 99) ore 20:30-21:30.
Anche in streaming sul web (clicca sul banner)

RIVALUTAZIONE ISTAT SU PENSIONI - RICORSI ALLA CORTE EUROPEA


Informiamo che a seguito delle sentenze della Corte costituzionale 70/2015 e 250/2017, relative al blocco della perequazione automatica delle pensioni per gli anni 2012 e 2013, il Partito Pensionati ha predisposto con i propri legali i ricorsi alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Siamo in attesa quindi delle decisioni della Corte Europea in merito. Per informazioni scrivere a segreteria@partitopensionati.it








lunedì 1 dicembre 2014

Edilizia in crisi. Fatuzzo (PP), conseguenz​e di una politica sbagliata.

Il Partito Pensionati esprime la propria solidarietà, ai lavoratori dell’edilizia, che manifestano contro la politica che ha portato alla crisi del settore ed alla perdita di centinaia di migliaia di posti di lavoro. L’edilizia è sempre stato un settore trainante della nostra economia e, a giudizio del Partito Pensionati - ha dichiarato il Segretario Nazionale Carlo Fatuzzo - la sua profonda e preoccupante crisi, deriva, principalmente dalla disaffezione di famiglie e risparmiatori che vedevano nel bene “casa” un investimento sicuro e non esitavano ad affrontare pesanti sacrifici, per garantire un’abitazione per il nucleo familiare, per i figli e, in molti casi, per acquistare alloggi, come forma di investimento. Le
troppe tasse che hanno colpito la “casa”, - ha continuato Fatuzzo - hanno creato disaffezione verso questo bene e, addirittura, si assiste a vendite che, talvolta, sono vere e proprie svendite di un bene, da sempre desiderato, sognato e visto come un “bene rifugio”, ora diventato un di problema, di cui disfarsi, quanto prima. Proprio per questo, anche tanti nuovi alloggi rimangono invenduti. Le conseguenze di questa crisi, coinvolgono, non solo i lavoratori dell’edilizia, ma colpisce anche i lavoratori dei settori che attorno all’edilizia ruotano: falegnami, idraulici, elettricisti, ecc. ecc.. Centinaia di migliaia di lavoratori, rimasti senza lavoro ed il cui futuro rimane incerto. I sintesi, a giudizio del Partito Pensionati, le assurde tasse, piovute sulla casa, creano, allo Stato ed ai Comuni, più danni che benefici, dal momento che, la massa dei ”senza lavoro“, che la crisi dell’edilizia ha provocato, pesa economicamente, per l’attivazione degli ammortizzatori sociali, per i diminuiti consumi e per i mancati introiti della tassazione diretta ecc.. Il Partito Pensionati – ha concluso Fatuzzo - ritiene che il Governo ed i Comuni farebbero molto bene a cancellare qualsiasi tassazione sulla prima casa ed a ridurla sugli altri beni immobili: se ne gioverebbero le famiglie, i lavoratori, con la ripresa dell’edilizia ed il recupero del posto di lavoro, oltre all’intera collettività nazionale.
L'addetto stampa
Luigi Ferone