Carlo FATUZZO risponde in diretta alle vostre domande sulle pensioni
Il VENERDI su Lombardia TV (canale 99) dalle 20:30 alle 21:30.
Anche in streaming sul web (clicca sul banner)

Potete seguire l'on. Carlo Fatuzzo anche su Facebook.

DOMANDA RIMBORSO INPS

A seguito della sentenza della Corte costituzionale 70/2015, relativa alla bocciatura del blocco della perequazione automatica delle pensioni per gli anni 2012 e 2013, il Partito Pensionati sta predisponendo le domande per richiedere il rimborso.

Vi invitiamo pertanto a inviare, a mezzo posta SEMPLICE all'indirizzo

FAMIGLIA PENSIONATI
Piazza Risorgimento 14
24128 Bergamo BG

- fotocopia carta d'identità
- fotocopia codice fiscale

Vi invieremo la domanda con le istruzioni.

martedì 3 novembre 2015

PROPOSTE PRESIDENTE INPS BOERI. FERONE (PP), C’E’ IL PERICOLO DEL RICALCOLO AL “RIBASSO” DI TUTTE LE PENSIONI?

Sempre più frequentemente, oramai, il Presidente dell’Inps, Tito Boeri “esterna” sul sistema pensionistico e “dintorni”.  Da ultimo, l’idea di ricalcolare i trattamenti pensionistici più alti. L’idea è sostanzialmente giusta  e forse potrebbe portare anche equità e giustizia, ma la vita degli ultimi 70 anni del nostro Paese ci ha insegnato che la sorpresa è sempre dietro l’angolo e molte volte i nobili intenti nascondono obiettivi  e destinatari diversi. Chi può garantire il popolo dei pensionati che, fatta passare la "cancellazione dei diritti acquisiti" ed il "ricalcolo" dei trattamenti più alti, poi, lo stesso principio non venga applicato per tutti i pensionati?
In sintesi, per quanto concerne  l’ultima proposta Boeri, nata , sicuramente, con propositi giusti,  se accolta e diventasse legge , chi potrebbe  garantire  che non andrebbe   oltre ?  - così ha dichiarato il vicesegretario nazionale del Partito Pensionati, Luigi Ferone  - Il “ricalcolo” danneggerebbe pesantemente , se applicato per tutti, tantissimi pensionati .Dando  mano libera al “ricalcolo” e cancellando   il principio del “diritto acquisito”, i pensionati  , a giudizio del Partito Pensionati, non avrebbero più “certezze”, la loro situazione pensionistica, potrebbe  mutare in peggio, in qualsiasi momento, con l’emergere di problemi economici del Paese,di sostenibilità della spesa o altro, a seconda delle priorità e della politica del Governo di turno, in materia  pensionistica . Del resto, è quanto mai  difficile, introdurre una norma  che riguardi solo una piccola fetta di cittadini: pioverebbero, certamente, una enormità di ricorsi .La cosa più giusta – ha continuato Ferone  – è mirare al contenimento di assegni spropositati che rappresentano un vero e proprio schiaffo alla miseria, fissare  un  tetto massimo, per tutti , introducendo così, un principio   pensionistico, più equo . Il Partito Pensionati  , ritiene che questo Governo,come altri che l’hanno preceduto, abbia scambiato i pensionasti, per un “bancomat” a cui attingere  per far fronte a tutte le situazioni. Sono circa venti anni che i pensionati non ricevono un aumento e  che  l’importo della pensione di invalidità , è assurdamente misero, tant’è che, attualmente, non supera i 280 euro al mese. In questo Paese vi è una emergenza che è, quella dei pensionati. Circa due milioni di pensionati   hanno pensioni che non superano i 500 euro al mese, 6,5 milioni  ricevono un assegno inferiore ai 1.000 euro al mese  e tutti gli altri  assegni pensionistici  , sono  attorno a questa somma e non molti ricevono assegni fra i 2.000 ed i 3.000 euro. Non si può dire, certamente, che i pensionati siano dei benestanti, anzi  vi è chi conosce la miseria e forse la fame ed è indispensabile elevare tutte le pensioni medio-basse , aumentando ,in particolare, le pensioni minime, portandole  a mille euro e raddoppiando l’importo per le pensioni di invalidità. .In questo quadro, suonano quantomeno inopportuni,assegni  pensionistici  o vitalizzi , più che elevati . Un tetto ragionevole per tutti  - ha concluso Ferone - non criminalizzando nessuno ,  puntando, ad una maggiore equità e giustizia  che  eliminino ,  privilegi  e distorsioni :forse sarebbe la strada  più giusta.



L’addetto stampa
Domenico Marturano