Carlo FATUZZO risponde in diretta alle vostre domande
VENERDI su Lombardia TV (can. 99) ore 20:30-21:30.
Anche in streaming sul web (clicca sul banner)

RIVALUTAZIONE ISTAT SU PENSIONI - RICORSI ALLA CORTE EUROPEA


Informiamo che a seguito delle sentenze della Corte costituzionale 70/2015 e 250/2017, relative al blocco della perequazione automatica delle pensioni per gli anni 2012 e 2013, il Partito Pensionati sta predisponendo con i propri legali i ricorsi alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Il termine scade a fine maggio. Per informazioni e adesioni scrivere a segreteria@partitopensionati.it
NON SI ACCETTANO ADESIONI OLTRE IL 13 MAGGIO.







martedì 7 gennaio 2014

Sicurezza stradale. Pochi gli incidenti provocati dagli anziani.

In questi giorni, un  incidente mortale, provocato da un 82enne , ha riaperto il dibattito circa la possibilità  di revocare o limitare enormemente, la patente, oltre una determinata età .  
A questo proposito, il segretario nazionale del Partito Pensionati, Carlo Fatuzzo, ha dichiarato: 
«Un incidente  con morti o feriti, causato da un anziano, trova ampio spazio sugli organi di informazione che sembrano evidenziare, nella quasi totalità dei casi, un nesso fra l’incidente e l’età del guidatore . Il Partito Pensionati, sottolinea che la  percentuale degli incidenti provocati da anziani guidatori, è bassissima  e che questi, con  una esperienza di guida di decenni, si caratterizzano per il rispetto delle norme relative alla circolazione stradale ed enfatizzare  singoli ed isolati episodi  negativi, è fuori luogo. 
Generalmente, le persone anziane, utilizzano la macchina, per piccoli spostamenti, legati agli acquisti quotidiani ed alle necessità più impellenti. 
Sarebbe interessante controllare le statiche relative agli incidenti causati da giovanissimi e da guidatori di tutte le età, per rendersi conto con non esiste, a questo proposito, un problema “anziani”. 
Certo, tutto deve essere fatto per garantire una maggiore sicurezza sulle nostre strade ed è  giusto  fare  più approfonditi controlli sulle condizioni  fisiche, nei confronti di tutti, per il rilascio della patente ed in particolare, per quanto concerne  i riflessi, la vista e l’udito. 
Per gli ultraottantenni, non dovrebbe rappresentare un problema imporre la  possibilità di guidare auto  e mezzi, solo fino ad una  determinata  cilindrata. 
Pensare di revocare la patente, dopo una determinata età, - a giudizio del Partito Pensionati – è profondamente sbagliato  ed ingiusto».
L’addetto Stampa
Luigi Ferone