Carlo FATUZZO risponde in diretta alle vostre domande
VENERDI su Lombardia TV (can. 99) ore 20:30-21:30.
Anche in streaming sul web (clicca sul banner)

RIVALUTAZIONE ISTAT SU PENSIONI - RICORSI ALLA CORTE EUROPEA


Informiamo che a seguito delle sentenze della Corte costituzionale 70/2015 e 250/2017, relative al blocco della perequazione automatica delle pensioni per gli anni 2012 e 2013, il Partito Pensionati sta predisponendo con i propri legali i ricorsi alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Il termine scade a fine maggio. Per informazioni e adesioni scrivere a segreteria@partitopensionati.it







lunedì 23 giugno 2014

Incontro del Partito Pensionati a Trieste. Vascotto: povertà e disoccupazione hanno colpito anche il Friuli Venezia Giulia.

Si è tenuto questa mattina a Trieste, presso il caffè Tommaseo, un incontro, promosso dal segretario regionale del Partito Pensionati, Alessandro Vascotto, sulle condizioni di vita dei cittadini della nostra Regione e sulla posizione del Partito Pensionati, in relazione alle vicende nazionali. Vascotto, parlando ai presenti, ha sottolineato che la nostra Regione non è più un’isola felice e che il notevole aumento della disoccupazione colpisce tantissimi giovani ed ogni giorno si deve assistere alla chiusura di attività industriali, artigianali, commerciali, agricole ecc., con conseguente perdita di posti di lavoro. Troppe famiglie non riescono più a pagare i mutui e perdono la casa. La fascia della povertà, si è allargata ed i Comuni non riescono a far fronte alla domande di aiuto di singoli e di nuclei familiari. Benemerite Associazioni, come la Caritas, riscontrano crescenti difficoltà a garantire generi alimentari o altre necessità, ai tanti cittadini in difficoltà e proprio queste associazioni, andrebbero fortemente aiutate.
Il Partito Pensionati - ha evidenziato Vascotto – ritiene che debba essere la Regione a fare di più, per difendere l’occupazione e per contrastare  il preoccupante fenomeno del disagio estremo. Il leader regionale del Partito Pensionati, si è soffermato sulla necessità che il Governo presti attenzione ai problemi dei pensionati ed ha sollecitato l’estensione dei famosi 80 euro, anche ai pensionati ed una rivalutazione generale, di tutte le pensioni, ad eccezione di quelle “d’oro”. Vascotto ha concluso invitando il governo nazionale a dimezzare le tasse ed a fermare ogni aumento della tassazione perché, è evidente, il Paese ed i cittadini, non possono più reggere un livello di tassazione assurdo, che sta strozzando la nostra economia.