Carlo FATUZZO risponde in diretta alle vostre domande sulle pensioni
Il VENERDI su Lombardia TV (canale 99) dalle 20:30 alle 21:30.
Anche in streaming sul web (clicca sul banner)

Potete seguire l'on. Carlo Fatuzzo anche su Facebook.

DOMANDA RIMBORSO INPS

A seguito della sentenza della Corte costituzionale 70/2015, relativa alla bocciatura del blocco della perequazione automatica delle pensioni per gli anni 2012 e 2013, il Partito Pensionati sta predisponendo le domande per richiedere il rimborso.

Vi invitiamo pertanto a inviare, a mezzo posta SEMPLICE all'indirizzo

FAMIGLIA PENSIONATI
Piazza Risorgimento 14
24128 Bergamo BG

- fotocopia carta d'identità
- fotocopia codice fiscale

Vi invieremo la domanda con le istruzioni.

lunedì 17 novembre 2014

Aggressione ad operatori di polizia. Fatuzzo (PP), prevedere chiaramente la detenzione in carcere per i responsabili. Solidarietà a tutte le forze di polizia.

Molto clamore ha destato la notizia dell’aggressione che un individuo ha posto in essere, ai danni di un equipaggio di una “volante”, nel quartiere “S.Basilio” di Roma, impegnato in un controllo notturno. L’aggressore non ha esitato ad avventarsi contro un Poliziotto, procurandogli la frattura della mandibola. Bloccato, veniva trovato in possesso di alcuni grammi di droga e veniva dichiarato in arresto per aggressione a p.u. e detenzione di droga. Il Giudice della Direttissima ha convalidato l’arresto, stabilendo che, in attesa del Processo, stia agli arresti domiciliari. Indubbiamente le sentenze e le decisioni dell’A.G:, vanno rispettate e c’è da ritenere che le norme, anche in presenza di un episodio gravissimo, che vede come parte offesa, un operatore di Polizia, possono non prevedere o consentire l’arresto in carcere, in attesa di Processo, del responsabile. Il Partito Pensionati ritiene,
invece, che molto probabilmente, se fosse stato il Poliziotto a provocare lesioni così gravi, al protagonista di questo episodio, proprio perché pubblico ufficiale, le conseguenze giudiziarie, sarebbero state, molto probabilmente, più pesanti. Uno Paese democratico, deve tutelare tutti i cittadini e punire con forza, decisione ed immediatezza, chi ritiene di poter aggredire, servitori dello Stato e prevedere, chiaramente e per legge, in attesa di regolare Processo, l’arresto in carcere, per il responsabile. Tanti cittadini rimangono sconcertati dai troppi episodi in cui, responsabili di gravi fatti, rimangono in libertà o restano agli arresti domiciliari, in attesa di Processo. I Giudici agiscono, ovviamente, nel rispetto e nei limiti della Legge ed il Partito Pensionati, ritiene che, anche di fronte all’aumento di episodi di inammissibile violenza che, tante volte, denotano vera e propria cattiveria, servano leggi più dure e soprattutto, chiare e precise. Sarebbe veramente grave e triste, che le nostre Leggi, risultassero durissime con chi serve lo Stato e non lo fossero altrettanto, per chi colpisce e danneggia lo Stato ed i suoi servitori.
Luigi Ferone